Archivi categoria: Uncategorized

Sostenete il nostro progetto

Standard

GM.jpg

Ci siamo! da oggi fino al 28 maggio è possibile votare uno dei progetti presentati nell’ambito dell’iniziativa di Brico Center “Insieme per il nostro quartiere”. E’ inutile che vi dica di sostenere il nostro, l’ho detto però! Entrate nella pagina bricocenter, scegliete il negozio di riferimento, L’Aquila naturalmente, e votate # Mettiamoci una pezza è a Collemaggio. Basta poco, che ci vò!!! #votatemettiamociunapezza

Vi ricordo che soltanto le persone residenti nella Provincia dell’Aquila possono votare per il nostro progetto.

Mettiamoci una pezza è a Collemaggio

Standard

Animammersa1ridottaAbbiamo preparato un nuovo progetto, un’azione diversa, apparentemente, ma che si siede comodamente nel solco di tutte quelle proposte sino ad ora. Forse potrà colpire la sua natura lontana dai ferri corti, forse, ma lo spirito è lo stesso e stessa è l’energia con la quale ci accingiamo a viverla e proporla. Attivata la curiosità? Vediamo di scoprire le carte. Prima di tutto va detto che abbiamo bisogno del vostro sostegno, una cosa facile. Facile come un like!

Lo useremo per portare avanti un nuovo progetto che abbiamo presentato in questi giorni. Ma facciamo un passo indietro.

Il 16 novembre 2016 Animammersa inaugura la sua nuova sede, il Container che si trova nel Parco di Collemaggio. Questo parco non è solo nel cuore della città ma anche nel cuore di ogni cittadino. Sorge accanto alla Basilica di Collemaggio, chiesa circondata da tre aree verdi ben distinte tra loro, un patrimonio naturale non trascurabile, sulle quali da qualche anno si elaborano progetti di riqualificazione che speriamo vengano realizzati il prima possibile. Il Container è sulla collina dove sorgeva l’Ospedale Psichiatrico cittadino, un dedalo di vie e palazzine avvolte da una rigogliosa vegetazione. Accanto a spiazzi ben manutenuti convivono zone abbandonate dove purtroppo vengono gettati scarti ed immondizia come se nascosti dalle fratte facessero meno male. Dietro alla sede c’è uno spazio incolto, un semicerchio su per giù, un posto che solo a guardarlo sembra fatto per noi! Noi che spesso viaggiamo lontano con la mente e cerchiamo di realizzare sogni belli, colorati e popolati da compagni di viaggio con i quali condividiamo azioni anche solo a distanza. Tipo ora con voi. Nel guardarlo ti accorgi cosa significa veramente prendersi cura di un luogo, cosa significa imparare a non sprecare la bellezza che ti circonda. Che detto così occupa solo due righe ma se ti fermi a riflettere su questi concetti non rimani indifferente. Ti costringe ad immaginare per lui e grazie a lui tutte le cose che puoi realizzare. Ti si allarga un po’ la mente e già solo per questo lo ringrazi! Poi succede che, come spesso ci capita, un’idea ne contenga tante altre, e l’una sia unita all’altra e tra loro perfettamente si incastrano come nel meccanismo della matrioska. Vorremmo…vorremmo…ora però non ci distraiamo dobbiamo iniziare. Chi di voi ha avuto a che fare con l’associazionismo sa, anche solo per sentito dire, che si lavora tanto di volontariato e poco di contributi esterni (pubblici o privati che siano). Quindi quando hai bisogno aguzzi la mente, ti guardi intorno e, se sei fortunato, trovi. Abbiamo scoperto un bando “Insieme per il nostro quartiere” proposto dal gruppo BRICO CENTER  che dona al progetto che ottiene più like materiale per risistemare una zona verde. Utensili che noi non abbiamo e che ci permetterebbero di iniziare il lavoro di ripulitura e sistemazione dell’area. Un procedimento facile, qualche minuto del vostro tempo si trasforma in un aiuto per noi fondamentale. Il progetto che abbiamo presentato  lega tra loro due temi sostanziali delle nostre azioni: tutela del territorio e sociale. L’orizzonte è quello cittadino, nel luogo e nei soggetti coinvolti. Pensiamo che sia tempo di sperimentare anche qui, nella nostra realtà, tutte le potenzialità benefiche dei giardini e degli orti sociali. Certo, questa volta, non vi attiviamo direttamente nell’azione ma il vostro AIUTO ci è come sempre fondamentale. Le votazioni dei progetti inizieranno il 26 maggio e termineranno il 28 maggio. Appena verranno pubblicati i link vi chiameremo a raccolta per votare il nostro progetto (sempre che vi piaccia). A presto guerrigliere!

contestoridotto

La violenza e il vocabolario

Standard
La violenza e il vocabolario

un’analisi profonda, crudelmente vera, che mi ha fatto diventare gli occhi lucidi! Concedetevi cinque minuti per leggerla, ne vale la pena!

tarantula

Di uno dei miei maestri che non ci sono più ricordo quella capacità di cogliere la verità delle cose smontandole e riducendole a un interrogativo tanto disarmante quanto ineludibile. Lo ricordo come un modo di onorare la premessa della complessità portando le questioni non lontano anni luce da noi, ma facendole planare sul tavolo, nude, in modo che ci interrogassero, e che lo facessero in maniera tale da esigere una risposta in prima persona.
Si discuteva un giorno, in un gruppo di formazione, della morte di una ragazzina – per la precisione, di uno dei più terribili delitti contro una donna che io ricordi.

View original post 1.967 altre parole

Noi ci saremo

Standard

unnamed

LAND ART AL FURLO

TOTEM: scritture verticali

dal 21 agosto al 18 settembre

c/o Sant’Anna del Furlo, Fossombrone (PU)

La Casa degli Artisti, associazione culturale no-profit inserita nello SPAC Sistema Provinciale di Arte Contemporanea, dal 2010 propone la sua annuale passeggiata d’arte: Land Art al Furlo.
La settima edizione della LAND ART AL FURLO: “TOTEM: scritture verticali” si svolgerà dal 21 agosto al 18 settembre 2016 presso il Parco-Museo di Sant’Anna del Furlo, comune di Fossombrone, nella provincia di Pesaro-Urbino, all’interno della Riserva Naturale Gola del Furlo.
L’inaugurazione è prevista per domenica 21 agosto alle ore 10,30.
Per celebrare la settima edizione, rispettando l’importanza rituale del numero 7, oltre 40 artisti interpreteranno un tema altamente simbolico, il Totem, inteso come elemento di visione verticale. 40 opere sotto il cielo, sulle boscose rive del Candigliano.

La denuncia

Standard

mare-640 Il dossier di Legambiente 2016 dedicato allo stato di salute del nostre acque, inizia avvertendo che sono aumentati del 27% i reati a danno del mare. Già da qui mi viene una gran rabbia, purtroppo non è finita. Segue una classifica del “mare illegale” con regioni che salgono, che scendono, che si strappano il primato vicendevolmente, modello campionato sportivo ma con medaglie che puzzano e uccidono. Perché d’inquinamento si muore, è bene tenerlo a mente, sempre. Continuiamo a leggere.                                                                                                                               Cemento selvaggio che deturpa le coste (non stiamo parlando solo di tutela del paesaggio,che già basterebbe di suo, l’abusivismo è la punta di una piramide del malaffare che ci sta strangolando), depuratori inadeguati che permettono lo sversamento di sostanze tossiche che costringono a pagare sanzioni salate (è il caso di dirlo!) a carico della collettività. Da quest’anno verseremo 480 milioni l’anno visto che siamo stati condannati dalla UE non avendo adeguato la maggior parte dei sistemi di depurazione che scaricano in aree sensibili, cioè mare, laghi ed alcuni bacini fluviali. Ma c’è un aspetto che è poco conosciuto ma di una gravità assoluta e che proseguendo nella lettura veniamo scoprendo: la pesca di frodo. Oltre a produrre effetti disastrosi per l’ecosistema, come se questo non bastasse, ha effetti nocivi sulla salute del consumatore e sull’economia del nostro Paese. Cosa mettiamo sulle nostre tavole? Abbiamo la certezza della loro freschezza o del rispetto delle più elementari norme igieniche? No. La filiera commerciale illecita non permette al consumatore di tutelare la propria salute e non permette alle aziende sane di sopravvivere. Alla fine della lettura mi accorgo di fare un pensiero banale: forse la rabbia non basta più. Forse è il caso di iniziare ad occuparci un po’ di più del nostro mare, di difenderlo, conoscerlo o semplicemente amarlo come è giusto che sia.

Se stai guardando il mare, ora, mentre io qui scrivo leggendo decine di articoli sull’inquinamento, e tu godendoti quella distesa, piatta o leggermente increspata dalla brezza, fermati un momento come me e pensa……

Il progetto      come partecipare

Non è un semplice calendario

Immagine

locandina_calendario_anima2015_WEB….è un racconto, un’emozione, un ricordo. Ci sono foto, storie, nomi.

E’ un pezzetto di voi e di noi. Ed è un peccato non averlo! ultimaagostodicembrescrivete a mettiamociunapezza@gmail.com

Metti in calendario una buona azione!

Standard

 

Che regalo quest’anno?

Il calendario di Animammersa!

Poi non dite che non vi diamo sempre buone idee! locandina_calendario_anima2015_WEB

Siamo felici di averlo proposto, è la storia, in breve certo, delle azioni di Mettiamoci Una Pezza, una delle cose più divertenti, impegnative e importanti che sinora abbiamo fatto, e lo sapete bene anche voi che ci avete aiutato. Era tanto che ci giravamo intorno ma spesso capita che una scelta escluda l’altra e il tempo passa. Ma la voglia c’era. Soprattutto la voglia di condividere queste esperienze, questi momenti unici. Lo facciamo perché Mettiamoci Una Pezza se lo merita, lei come voi che ne siete il motore. Lo facciamo perché ci rende felici rileggere quei momenti e abbiamo una gran voglia di andare avanti. A questo punto che dire? Togliamo il punto di domanda e diciamolo: quest’anno, con soli 10 euro, mi faccio un bel regalo, mi regalo il calendario di Animammersa!

 

Il calendario è’ disponibile all’Aquila presso: Libreria Colacchi, Maccarrone Libri, Libreria Polarville, Mondadori Libreria Meridiana, Arredamenti Bernardi e Cartoleria e libreria Chiaravalle Gisa a Paganica, tabaccheria di Marcello Visconti a San Demetrio, Proloco di Rocca di Mezzo e in rete facendo richiesta, tramite messaggio e  lasciando un vostro indirizzo o recapito telefonico, sulle pagine Facebook “Mettiamoci una pezza”, e “Animammersa”, oppure compilando il modulo sottostante

oppure  chiamando Antonella (340 825 8747), Patrizia (339 172 7235), o Rita (340 768 6144), ma questo proprio se volete sentire la nostra voce 🙂

 

Urban knitting ad Avellino

Standard

Amiche e amici di mettiamoci una pezza, è un pò che non ci sentiamo, ci sono delle nuove guerrigliere che vorrebbero realizzare un’azione di urban knitting ad Avellino. che dite diamo loro una mano? La loro pagina facebook si chiama “CI VUOLE CUORE”. questo è il loro progetto:

“Ci vuole cuore” nasce ad Avellino: è un progetto dedicato alla valorizzazione e alla difesa della città come bene comune.
“Ci vuole cuore” ha due donne alle spalle:
Alessandra Argenio, titolare del laboratorio creativo “L’Orto di zia Giulia”, e Giovanna Mauro, insegnante di scuola dell’infanzia e blogger di mondodiluna.it.
“Ci vuole cuore” parte con l’iniziativa di Urban Knitting, ovvero azione pacifica per ricoprire i tronchi degli alberi con tessuti lavorati a mano, attraverso il coinvolgimento collettivo.
Basta confezionare una “pezza”, cioè un quadrato all’uncinetto o ai ferri, della dimensione di 40×40 cm. Si tratta di un gesto della tradizione antica rivisitato nel nostro tempo, e che consente di creare un paesaggio urbano nuovo, colorato, pacifico e ad impatto zero.
Il progetto ha l’intenzione di svilupparsi in una serie di gesti futuri che avranno come unico comune denominatore la bellezza della nostra città.

Il viaggio comincia, comincia da una “pezza” e da un cuore, quello di ognuno di noi per la nostra città.
Grazie al Comune, alla Provincia e all’Ufficio scolastico provinciale che hanno scelto di farci compagnia.”

12074517_1612907735638355_7868690634210683775_n

Non ci resta che armarci dei nostri ferri corti!